28 marzo 2006

il fil rouge

tutte le mattine faccio il fil rouge.
mi sembra di vedere Giochi Senza Frontiere di 20 anni fà.
alle 6.30 il piccolo mugugna. vuole un bibe di latte. mi rigiro nel letto sperando che si riaddormenti. quando il mugugno comincia a somigliare ad un urletto mi alzo. rigorosamente a occhi chiusi scendo in cucina, apro il frigo, prendo pentolino, accendo fuoco, apro biberon, aspetto 3 minuti, travaso latte nel bibe, avvito e risalgo. dal baby controllo che sta in cucina, capisco se l'urlo cresce. cresce! mi affretto. scale veloci corridoio, entro in camera, non accendo la luce mi chino e trovo due manine tese che mi aspettano. sono felice.
lo tiro fuori lo "intubo" poi sulla spalla ruttino veloce e di nuovo a nanna.
torno in busta sono le 6.50 ho le chiappe fredde, mia moglie si attacca a scaldarmi, grata.
ore 7.30 il grande mugugna. mi rialzo, lo porto nel lettone. pesa 20 kg. lo infilo fra me e mia moglie e riprovo a dormire. alle 8.00 arriva puntuale la richiesta. papà mi racconti una storia.
mugugno in coma, lui insiste. mi apre gli occhi col dito, mi fa gli scherzetti. lo adoro.
gli tiro qualche morsetto, faccio un pò la lotta. mia cominciano gli urletti. mia moglie si alza, il piccolo si sveglia.
attacca banda.
le operazioni da svolgere sono: colazione, vestizione, accompagnamento asilo, andare in banca, andare in ufficio.
con un sincronismo ormai perfetto mi alterno con mia moglie nelle operazioni per gestire il piccolo e per preparare il grande. tu i denti al piccolo, tu la cacca al grande, ricordati il grembiule, i fermenti lattici al piccolo, cacchio oggi c'è ginnastica l'hai vestito sbagliato, guarda che il piccolo l'ha rifatta e pure molla, fai tu che sto mangiando, dai Samu che è tardi, gioco ancora un attimo, ma amore sono le 9.15 fra poco l'asilo chiude, vabbè mi scelgo un giochino da portare a Michele, attenta che il piccolo sale per le scale, dov'è la mia giacca, a posto, o belin sempre tutto a posto e non trovo niente, Samu chiama l'ascensore che arrivo, ciao amore ci sentiamo al telefono, chiedi alla maestra della gita, tu telefona alla nonna per domani sera, ...... fuori, finalmente fuori.
moto, casco per tutti e due, asilo. Ciao bambini è arrivato Samuele, due battute a tutti, due parole con la maestra, moto, banca, ufficio. Salgo sull'ascensore dell'ufficio, mi guardo allo specchio. Cazzo non ho fatto la barba, e non mi sono pettinato e soprattutto sono le 10. Mio nonno arrivava qui alle 8 e si faceva un mazzo così.
io invece qui ci vengo per riposarmi.... tempi moderni!

5 commenti:

mammachioccia63 ha detto...

Ma lo sai che sei una perla rara? Ma tua moglie si rende conto di quanto è fortunata ad avere un papi che l'aiuta la mattina? Il mio papi esce prestissimo la mattina e quindi mi spupazzo io la pulcina, anche se si sveglia di notte, anche il sabato mattina, anche la domenica mattina!

franci ha detto...

Il bello dei figli è che si cresce assieme a loro e si ha il tempo di abituarsi alle cose: tristemente cio'vuol dire anche che sei solo all'inizio. Il nostro amico Carlo, che di figli ne ha 4, mi ha sempre detto: "Proverai, proverai!". Io che di figli ne ho 3, ti dico che fra qualche anno la situazione ti chiederà ben più alte prestazioni. Per esempio, hai mai ancora pensato che la scuola inizia alle h8.00?!!! Coraggio, superpapi, continua così che vai strabene. Già 10 e lode.
La tua sorellina (un po' stremata).

Melanippe ha detto...

'cidenti, meno male che lavoro da casa... caspitina ma l'asilo che chiude alle 9,30?? Il nostro di asilo alle 9 è già bell'eche chiuso, il piccoletto deve esser là prima, altro che filrouge ;-)

CV ha detto...

:-D Bella descrizione, da noi va più o meno simile, però senza papi, che esce prestissimo la mattina.

Quindi in ufficio alle dieci senza essermi pettinata (lavata, truccata, vestita in modo semicivile ecc ecc) ci vado io :-P

lupo ha detto...

caro amore mio,
per caso ho letto l'ultima cosa che hai scritto e guarda a caso mi è piaciuta moltissimo.
Sappi che per me è la stessa cosa, questo è il filo che ci unisce e che ci farà stare sempre insieme fino all'ultimo giorno.
Sono una moglie che lavora e piena di cose da fare ma non perdo mai di vista Noi.
Ti amo.
.... adesso smetti di studiare filosofia morale e vieni su...
Lupo